COSA FACCIAMO

L’attività di OPTA MANTOVA

“L’incolumità e la salute dei lavoratori costituiscono valori primari per la società e la loro tutela è interesse non solo del singolo, ma di tutta la collettività”.

  • Il nuovo Testo Unico in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, in particolare l'articolo 51 del Testo unico, ridefinisce i compiti e le attribuzioni degli organismi paritetici: la norma li individua come realtà che fungono da riferimento per controversie sull'applicazione dei diritti di rappresentanza, informazione e formazione dei lavoratori; svolgono e promuovono attività di formazione e servizi di supporto al sistema delle imprese. L'Opta  di Mantova vuole anche mantenere rapporti di collaborazione e interscambio con gli enti di controllo e di gestione delle politiche di prevenzione (Asl e Inail).
  • Nel dicembre 2011 la Conferenza Permanente per i rapporti tra Stato e Regioni ha approvato due Accordi relativi alla formazione sulla sicurezza che hanno introdotto importanti novità. Queste nuove regole, in vigore dal 26 gennaio 2012, prevedono che tutti i lavoratori, nessuno escluso, devono seguire corsi specifici di formazione sui rischi aziendali legati all’attività svolta, con durata variabile in base al livello di rischio (rischio basso 8 ore; medio 12 ore; alto 16 ore. L'Opta, nel più ampio contesto di bilateralità del settore, è l'organismo di controllo e verifica dei corretti adempimenti in tema di formazione obbligatoria e pertanto tutte le imprese dovranno comunicare i piani formativi aziendali quindici giorni prima dell'avvio del corso. Il piano formativo corredato dal curricula dei docenti deve essere presentato via mail per ottenere la validazione e poter indicare sull'attestato che il corso è stato svolto in collaborazione con Opta. Tale indicazione è garanzia per gli organi ispettivi di una corretta formazione aziendale.
  • Da segnalare, per quanto riguarda la nostra provincia è la diminuzione delle denunce di infortuni (dati 2010) del 3,7% rispetto al 2009 dovuto anche al fatto che il 2010 è stato un anno particolarmente segnato dalla crisi. Però, se ampliamo il profilo temporale dell'analisi si può osservare che il calo degli infortuni nell'artigianato nel 2010 conferma il trend di lungo periodo: tra il 2006 e il 20120 gli infortuni denunciati dalle imprese artigiane scendono di quasi il 30%. Questo calo del 30% sta comunque a segnalare che la questione della sicurezza per i lavoratori ma anche per gli stessi datori di lavoro è una priorità nelle aziende artigiane. è un segnale positivo che, ovviamente, non ci esime dal compiere uno sforzo aggiuntivo per rilanciare con determinazione, soprattutto attraverso una più intensa collaborazione tra imprese e lavoratori, quella cultura della sicurezza che trova nella prevenzione il suo punto più qualificante e sollecitano l’OPTA a continuare sulla strada tracciata.
  • Opta organizza la ricezione delle comunicazioni dalle imprese relative ai nominativi di responsabili e addetti a prevenzione e protezione, pronto soccorso, antincendio ed emergenza, evacuazione;  nominativi dei medici competenti, laddove richiesto;  nominativi dei rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza eletti nelle imprese. Inoltre, organizza la raccolta dei dati forniti dagli enti preposti territorialmente competenti (ASL, DPL, INAIL, ISPEL, VV.FF, etc.) riferiti alle tipologie aziendali e alla consistenza numerica dei comparti merceologici presenti e all’analisi dei dati degli infortuni e delle malattie professionali del territorio. Chiede alla Regione l’elenco dei medici competenti riconosciuti e alle OO.AA. quello dei medici con i quali sono state stipulate convenzioni.
  • Altro compito importante dell’OPTA è la raccolta delle richieste, segnalazioni, osservazioni e proposte dei 3 Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza territoriale (RLST) che sono: Massimo Mazzola incaricato di seguire le aziende artigiane che si trovano nei distretti di Suzzara e Viadana; Simone Drovandi che si occupa di quelle dei distretti di Asola e Guidizzolo e Paolo Tasselli che opera sui distretti di Mantova e Ostiglia.

AREA RISERVATA
OPTA
FORUM
RLST